Ajutaţi un tânăr medic să salveze vieţi!

Storia della malattia

Cătălin Sandu ha 25 anni e si e’ appena laureato alla Facolta’ di Medicina Generale dell’Universita’ Carol Davila di Bucarest. E’ il nostro collega e amico che deve sostenere il piu’ difficile esame della sua vita’. Ha OGGI bisogno di noi tutti.

La sua storia completa e la seguente:
A Maggio quest’anno, dopo un trauma lieve, si e’ scoperta una formazione al livello della fossa iliaca sinistra che e’ stata considerata un’ematoma. Tanto l’echografia come il TAC seguito a Luglio hanno suggerito la stessa diagnosi. Quindi la decisione dei dottori e’ stata di seguire il paziente e di intervenire soltanto nel caso di un peggioramento del quadro clinico. Alla fine di Luglio si e’ effetuata una biopsia per suzione ed e’ stato mantenuto un tubo di drenaggio per 3 settimane. I sintomi si hanno temporaneamente atenuatto per aggravarsi improvvisamente a fine di Agosto. Catalin aveva gia’ bisogno di una dose ellevata di antidolorifici.

Il suo studio per l’esame di Laurea e’ diventato pesantissimo. Tutti abbiamo notato con preoccupazione come aveva dimagrito tantissimo e come sembrava estenuato nel giorno dell’esame ma abbiamo pensato che fosse stato un periodo troppo stancante. Nessuno si e’ immaginato la tragedia che seguiva. Il giorno successivo dell’esame scritto, il 15 di settembre, dopo un intervento chirurgico, e’ venuto il sospetto che si tratti di un sarcoma, dovuto all’aspetto gelatinoso del tumore. L’intervento e’ stato di conseguenza uno radicale, con l’asportazione completa del tessuto maligno. Sembrava abbastanza localizzato, senza disseminazione addominale. L’esame istopatologico e immunoistochimico hanno furnito la diagnosi di TUMORE DESMOPLASTICO A PICCOLE CELLULE ROTONDE (DSRCT). E’ una forma estremamente rara di sarcoma descritta per la prima volta in 1989 con solo 200 casi scoperti fino al presente. Soltanto 5 aziende ospedaliere nel mondo hanno l’esperienza di trattare questa malattia cosi dura, una variante del sarcoma di Ewing dei tessuti molli, con una sopravvivenza di 15% a 5 anni.

Il PET eseguito a 4 settimane dopo l’intervento ha mostrato una recidiva tumorale di 13/7 cm con l’infiltrazione dell’osso iliaco. Questa fa si che il nostro amico abbia dolori insopportabili e che non si possa muovere. La sua terapia oncologica deve essere iniziata il piu’ presto possibile perche’ il tumore e’ estremamente aggressivo e Catalin e gia’ esausto tanto fisicamente come moralmente.

Sfortunatamente non esiste un protocollo standard perche’ il tumore e’ cosi raro e non ci sono studi clinici su questa malattia. Quindi un costo complessivo del trattamento e’ difficile da approssimare. La cura con i migliori risultati comprende radio, chemioterapia e trapianto di cellule stem autologhe. Probabilmente sera’ bisogno di un nuovo intervento chirurgico per asportare la recidiva del tumore. Sappiamo soltanto che sera’ un trattamento lungo e complesso durante una degenza di mesi.

Data 18 ottobre 2011

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: